la fantasia al potere, 45 anni in ritardo..

Nulla da dire, si aspettavano sorprese e sorprese ci sono state. Pensavo peggio per il PDL, in Italia e a Pagani, ma si sa,  la gente si affeziona,  e Berlusconi lo si vota senza stare troppo a pensarci, per affettuosa consuetudine , come le mogli picchiate che sopportano i mariti maneschi, i padri che amano i figli che li odiano, e così via, per consuetudine, appunto, con la sottile soddisfazione nel registrare  che il PDL ha perso 6 milioni di voti rispetto al 2008.  Sei milioni vi sembrano pochi?

Chi ha letto qualche ultimo mio post capirà che non sono sorpreso  se il PD anche questa volta è riuscito a non vincere, pur non avendo perso, e questa è già una vittoria, pardon  una mezza vittoria. Certamente Napolitano darà l’incarico a Bersani, poi Bersani otterrà la fiducia alla Camera, e al Senato? Dipenderà dalla composizione del suo governo più che dal  programma. Sul programma ci si può mettere d’accordo, sugli uomini l’ accordo sarà più difficile. Ad esempio bisognerà scegliere il ministro dell’ Economia; al M5S piace Barnard,  al PD piace Letta jr,  come a Berlusconi e a Letta senior. Chi sceglierà Bersani? Intelligentemente nessuno dei due, tenterà prima con   Draghi, nome  altisonante ma improponibile, quindi si opterà per un  tecnico che vada bene anche al M5S, ci sono parecchi economisti ( con lauree e masters)  che scrivono sul blog di Grillo, alcuni mi sembrano all’ altezza, e dopo Monti non è che ci voglia molto. Altro ministro importante è quello dell’ Interno. Questo ministero interessa a D’ Alema, ma    D’ Alema, essendo stantìo è da lasciar perdere.  All’ interno ci metterei Ingroia più che Grasso, o forse è il caso di metterlo alla Giustizia il magistrato siciliano? All’ Interno Genco sarebbe il massimo, una specie di legge del contrappasso. Per Grillo Genco andrebbe bene, per Bersani e Napolitano no. Insisto per Ingroia alla Giustizia, anche contro Napolitano che è ormai alla fine del settennato. Grasso all’ Interno è un compromesso. Manca il Ministro degli Esteri, quello alla Difesa e quello alla Salute. Faccio presto per mettere tutti d’accordo. Agli Esteri basta qualcuno che abbia il mandato di chiudere l’80% dei consolati abbassando del 70% i costi delle ambasciate. Occorre qualcuno che sappia tagliare, come Bondi, quello della Parmalat, oppure Marchionne, quello della Fiat, ma meglio Bondi, taglia che è una bellezza. Alla Difesa mi diverto davvero e propongo Moni Ovadia, pacifista convinto, ebreo. Ovadia dovrebbe avere il mandato di liquidare l’ Esercito Italiano.   Ridurre, anzi eliminare le Forze Armate, reclutando gli ex militari nelle Polizie Municipali, costerebbe  meno essendo anche gli ex militari  più utili alla Nazione.  Niente esercito, niente armi, niente F35, niente nemici, quindi l’ esercito non serve, i  vigili urbani invece si! In questo modo 50 miliardi annui da destinare alla Sanità, alla Ricerca, alla Scuola Pubblica. Alla Sanità ho il colpo grosso, Gino Strada, un nome solo senza discussione, prendere o lasciare!  Sulla Sanità non bisogna fare profitti , solo operatori sanitari, fuori gli speculatori dalla sanità = Sanità Pubblica di grande qualità.  Un programma con 20 cose da fare,  con uomini di gran valore chiamati a  farle e si trova la maggioranza, alla Camera come al Senato. Poi  creerei il Ministero per l’ Equità sociale e Trasparenza Pubblica, lo darei a Don Ciotti di Libera, fantastico! Ma è prete, e allora, pure Bertone e Bagnasco sono preti  ma fanno politica  da sempre.

Bersani hai l’occasione di  volare alto. Datti una mossa!  Una parte del PD, (Letta etc)  non ti darà la fiducia, in cambio correrai  il rischio di fare cose buone con la parte migliore del partito e il M5S.

Vendola dovrà mediare fra i due gruppi parlamentari, ha le capacità per farlo facendo anche il Ministro del lavoro e dello sviluppo economico, quello della Green Economy.

Ora è il momento della Fantasia al potere, le alchimie dalemiane,  il misurino montiano, le chiacchiere del Cavaliere, appartengono al passato.

Avevo 8 anni quando si parlava di fantasia al potere, dopo 45 anni la vedremo?    Meglio la fantasia al potere che la violenza del potere  finanziario, la finanza ed il capitalismo senza regole sono i veri nemici dei popoli, ci stanno affamando togliendo il futuro ai nostri figli.  Che la Rivoluzione Pacifica inizi dall’ Italia. Pensateci!

algera



Lascia un Commento

Devi effettuare il login per scrivere un commento.

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook