UN PERIODO DI PAUSA….

8 maggio 2013

LA PULIZIA DEL BLOG DA ATTACCHI INFORMATICI E IL POCO TEMPO A DISPOSIZIONE MI COSTRINGONO A SOSPENDERE PER UN PERIODO LA PUBBLICAZIONE DI NUOVI POST….

A PRESTO


ALGERA


perseverare fara’ male all’ Italia e a Pagani

3 aprile 2013

Ho fatto fare al blog un pò di pulizia dai virus che “qualcuno” periodicamente mi invia. Speriamo che ora si possano lasciare commenti in tranquillità.

Torniamo a dove eravamo rimasti.  In Italia il governo non c’è ancora, o meglio quello che c’è è come se non ci fosse,  idem a Pagani.  In Italia regna talmente la confusione  che che coloro che l’hanno  rovinata negli ultimi 10 anni si travestono da verginelle candite, fanno finta di niente, mai governato , niente sanno, più o meno come sta succedendo a Pagani. Gli italiani dimenticano i guai e sperano ( chissà  perché ) che colui che i guai ha causato li tolga dai…. guai, ma anche i paganesi sono italiani, dimenticano e sperano.

Fare decantare la situazione chiamando in causa Monti è stato un errore clamoroso. Monti ci ha messo parecchio del suo nel sbagliare; il professore   ha creduto egli stesso di essere quello che non è,  cioè un grande statista, di quelli che ne nascono uno al secolo, ma il XXI  non era il suo,  evidentemente  .    Anche a Pagani la triade ha fatto decantare la situazione, sembra passato un secolo, pochi ricordano che ma quando si dimise Petrelli la spazzatura ci usciva dalle orecchie.

Nonostante l’ obbrobrio passato recentemente  i paganesi hanno ripreso a sospirare ed attendono,  chi attendono? Forse attendono di farsi nuovamente abbindolare? Ho paura che  una parte del paese stìa bramando il ritorno al passato, l’ Italia come  Pagani.

Ma perseverare ancora si può?  Mi domando e vi domando

algera


ARIA NUOVA CON BOLDRINI E GRASSO ED ANCHE CON PAPA FRANCESCO

17 marzo 2013

La scelta dei presidente di Camera e Senato operata ieri dai neo parlamentari è certamente orientata alle esigenze di rendere meno nauseante  di come sia stata fino ad oggi l’ aria che si respirerà nei palazzi del potere nel corso di questa legislatura.  Con le votazioni di ieri  si è capito cosa succederà nel corso della legislatura, nel senso che quando ci sarà da votare per cose concrete che vanno nell’ interesse di cittadini,  parte dei parlamentare del M5S  adesso, tutti un domani, voteranno favorevolmente. Votare contro la Boldrini e Grasso sarebbe stato atto poco spiegabile, escludendo i soliti ordini di scuderia, ed infatti non avendo trovato una spiegazione logica  alcuni del M5S  hanno votato a favore. La lezione appresa ieri è che ,quindi, messo il governo nelle mani di persone degne, presidente. ministri, sottosegretari, definito un programma di assoluta discontinuità con gli ultimi 20 anni, i voti in Parlamento si troveranno ora, domani ed anche nel corso dei prossimi 5 anni.  I cittadini parlamentari del M5 S vivono in mezzo alla gente, conoscono i problemi ed avanzano “anche” delle soluzioni. Per il governo,  Bersani dovrebbe fare diversi passi indietro, rimettersi all’ esperienza di Napolitano, pretendere che la guida non venga affidata ad uomini provenienti dalla banche, tipo Monti o Draghi per capirci, chiedere che i ministri vengano scelti fra persone di capacità pratiche e qualità morali indiscutibili. Fatto ciò, considerati gli 8 punti già sul tappetto, nessuno con la quantità giusta di sale in zucca, si opporrà non votando per quella che si presenta come la vera rivoluzione italiana,  certamente  civile , senza spargimento di sangue.  Fatto questo tipo di Governo, votate le leggi  a favore dei cittadini, d’improvviso agli italiani apparirà palese quanto sia vecchio Berlusconi, quando sia inutile D’alema, quanto siano  stantìi i Letta i  Casini con  tutti i baracconi che si portano dietro. Con un anno di scelte orientate  alla rottura degli oligopoli economico finanziari esistenti, dei privilegi politici imperanti, degli assurdi sprechi nella gestione della cosa pubblica,  addirittura i paganesi si renderanno conto che l’ anno prossimo, alle amministrative,  dovrnno scegliere  se farsi rigovernare da amministratori pericolosi per se e per gli altri o, in alternativa,  da gente seria e normale che sappia far di conto sapendo mettere penna su carta.  Ed infatti il processo Linea d’ombra al momento, riferito agli amministratori, ha sentenziato che questi  non sono così cattivi come erano stati presentati,  è che   sono  inadeguati alla gestione della cosa pubblica, almeno per il prossimo anno, poi si vedrà. Qualora ce ne fosse bisogno,   il giubilo con cui è stata accolta una sentenza di condanna con tanto di prossima fiaccolata,  sta lì a dimostrarlo.

ps Papa Francesco si presenta come colui che farà, dall’ interno della Chiesa , guerra alla ricchezza esaltando la povertà, il che rappresenta esattamente il contrario di quanto i media ci hanno propinato dagli anni ’80 in poi quando il messaggio è stato ” amate i ricchi disprezzando i poveri” . Così facendo ci siamo ritrovati un nababbo a fare il presidente del Consiglio…..ed ho detto tutto..


Non scherzate col fuoco

8 marzo 2013

La fantasia al potere ci andrebbe qualora i cittadini del M5S  nominati in parlamento ci andassero per starci. Se invece hanno chiesto il voto agli italiani per poi non consentire l’ inizio della legislatura allora cambia il discorso. Nella seconda ipotesi il M5S scenderebbe  a livello dei tanti partiti e/o movimenti che dagli anni ’80 in poi hanno cercato di proporre qualcosa di diverso per modificare, migliorare,  il sistema politico istituzionale italiano. Io sono per consentire l’ inizio della legislatura dando la possibilità dell’ insediamento di un nuovo governo. Premetto che se Bersani avesse detto nel corso della campagna elettorale quello che “ora” racconta agli italiani, vedi gli 8 punti programmatici, il PD avrebbe stravinto alla Camera, vinto al Senato;  a quel punto il M5S  dall’ opposizione avrebbe  votato a favore quei punti che sono richiamati anche nel proprio programma conservando(anche)  la propia verginità politica.  Tutto sarebbe stato più chiaro, ma non è andata così, con Bersani non poteva, ma neanche con Renzi, che non condivide nessuno degli 8 punti programmatici in questione.  In attesa che il quadro politico si chiarisca il paese sprofonda. L’economia langue, gli imprenditori (anche gli onesti) sono vessati da Guardia di Finanza, Agenzia delle Entrate, Equitalia, Comuni, Province, Regioni. Oramai chiudono  le loro aziende dovendo scegliere se pagare gli stipendi ai loro dipendenti o pagare, con sanzioni assurde, tasse, imposte, tributi, multe,canoni etc etc. Le banche continuano a giocare con le cartacce  finanziarie, non svolgono  più alcuna funzione sociale rifiutando sistematicamente l’erogazione del  credito alle famiglie ed alle imprese.  I padri e madri con figli diversamenti abili sono disperati non sapendo più a chi affidarli,  vista la chiusura delle strutture di accoglienza e riabilitazione. Gli ospedali fanno il minimo indispensabile, la Sanità Pubblica sta diventando un lusso, la disoccupazione giovanile è a livelli mai raggiunti prima, ed infine non si sa più come  finanziare  i milioni e milioni  di ore della  C.I.G. Potri continuare ad libitum.  Così stanno le cose e, quindi, personalmente dubito che lasciando la situazione incancrenire il M5S possa tirarsi fuori, ora che in Parlamento conta 162  ”cittadini” deputati.

Chi legge questo post, perchè continuate a kliccare senza commentare, sa che spesso ci azzecco. Scommetto che fra 6 mesi, riandando a votare il M5S scenderà al di sotto del 20%. Il voto degli italiani  è mutevole, gli arciconvinti del M5S  sono meno di quelli che credono Grillo e Casaleggio. Io lo scrivo, fate voi, ma sappiate  che state scherzando col fuoco, amici cittadini  del M5S.

algera


la fantasia al potere, 45 anni in ritardo..

26 febbraio 2013

Nulla da dire, si aspettavano sorprese e sorprese ci sono state. Pensavo peggio per il PDL, in Italia e a Pagani, ma si sa,  la gente si affeziona,  e Berlusconi lo si vota senza stare troppo a pensarci, per affettuosa consuetudine , come le mogli picchiate che sopportano i mariti maneschi, i padri che amano i figli che li odiano, e così via, per consuetudine, appunto, con la sottile soddisfazione nel registrare  che il PDL ha perso 6 milioni di voti rispetto al 2008.  Sei milioni vi sembrano pochi?

Chi ha letto qualche ultimo mio post capirà che non sono sorpreso  se il PD anche questa volta è riuscito a non vincere, pur non avendo perso, e questa è già una vittoria, pardon  una mezza vittoria. Certamente Napolitano darà l’incarico a Bersani, poi Bersani otterrà la fiducia alla Camera, e al Senato? Dipenderà dalla composizione del suo governo più che dal  programma. Sul programma ci si può mettere d’accordo, sugli uomini l’ accordo sarà più difficile. Ad esempio bisognerà scegliere il ministro dell’ Economia; al M5S piace Barnard,  al PD piace Letta jr,  come a Berlusconi e a Letta senior. Chi sceglierà Bersani? Intelligentemente nessuno dei due, tenterà prima con   Draghi, nome  altisonante ma improponibile, quindi si opterà per un  tecnico che vada bene anche al M5S, ci sono parecchi economisti ( con lauree e masters)  che scrivono sul blog di Grillo, alcuni mi sembrano all’ altezza, e dopo Monti non è che ci voglia molto. Altro ministro importante è quello dell’ Interno. Questo ministero interessa a D’ Alema, ma    D’ Alema, essendo stantìo è da lasciar perdere.  All’ interno ci metterei Ingroia più che Grasso, o forse è il caso di metterlo alla Giustizia il magistrato siciliano? All’ Interno Genco sarebbe il massimo, una specie di legge del contrappasso. Per Grillo Genco andrebbe bene, per Bersani e Napolitano no. Insisto per Ingroia alla Giustizia, anche contro Napolitano che è ormai alla fine del settennato. Grasso all’ Interno è un compromesso. Manca il Ministro degli Esteri, quello alla Difesa e quello alla Salute. Faccio presto per mettere tutti d’accordo. Agli Esteri basta qualcuno che abbia il mandato di chiudere l’80% dei consolati abbassando del 70% i costi delle ambasciate. Occorre qualcuno che sappia tagliare, come Bondi, quello della Parmalat, oppure Marchionne, quello della Fiat, ma meglio Bondi, taglia che è una bellezza. Alla Difesa mi diverto davvero e propongo Moni Ovadia, pacifista convinto, ebreo. Ovadia dovrebbe avere il mandato di liquidare l’ Esercito Italiano.   Ridurre, anzi eliminare le Forze Armate, reclutando gli ex militari nelle Polizie Municipali, costerebbe  meno essendo anche gli ex militari  più utili alla Nazione.  Niente esercito, niente armi, niente F35, niente nemici, quindi l’ esercito non serve, i  vigili urbani invece si! In questo modo 50 miliardi annui da destinare alla Sanità, alla Ricerca, alla Scuola Pubblica. Alla Sanità ho il colpo grosso, Gino Strada, un nome solo senza discussione, prendere o lasciare!  Sulla Sanità non bisogna fare profitti , solo operatori sanitari, fuori gli speculatori dalla sanità = Sanità Pubblica di grande qualità.  Un programma con 20 cose da fare,  con uomini di gran valore chiamati a  farle e si trova la maggioranza, alla Camera come al Senato. Poi  creerei il Ministero per l’ Equità sociale e Trasparenza Pubblica, lo darei a Don Ciotti di Libera, fantastico! Ma è prete, e allora, pure Bertone e Bagnasco sono preti  ma fanno politica  da sempre.

Bersani hai l’occasione di  volare alto. Datti una mossa!  Una parte del PD, (Letta etc)  non ti darà la fiducia, in cambio correrai  il rischio di fare cose buone con la parte migliore del partito e il M5S.

Vendola dovrà mediare fra i due gruppi parlamentari, ha le capacità per farlo facendo anche il Ministro del lavoro e dello sviluppo economico, quello della Green Economy.

Ora è il momento della Fantasia al potere, le alchimie dalemiane,  il misurino montiano, le chiacchiere del Cavaliere, appartengono al passato.

Avevo 8 anni quando si parlava di fantasia al potere, dopo 45 anni la vedremo?    Meglio la fantasia al potere che la violenza del potere  finanziario, la finanza ed il capitalismo senza regole sono i veri nemici dei popoli, ci stanno affamando togliendo il futuro ai nostri figli.  Che la Rivoluzione Pacifica inizi dall’ Italia. Pensateci!

algera


Un voto in prospettiva

13 febbraio 2013

vota al senato vincenzo calabrese un voto in prospettiva amministrative 2014

Le elezioni politiche si avviano alla fase finale fra polemiche, proteste, resurrezioni, pochezza, insulti. Abbiamo solo pochi giorni perchè si parli di politica ma, sembra, che ciò non interessi.  Anche in questa occasione la classe dirigente del centro sinistra  è riuscita  a sbagliare la campagna elettorale facendosi rosicchiare l’ enorme vantaggio accumulato con le primarie, e siccome ritengo che non abbiamo a che fare con imbecilli la cosa  è sospetta, forse addirittura  voluta. Finchè nel PD  e più in generale nel centro sinistra ci saranno quelli che hanno due piedi in una scarpa non potrà succedere diversamente. Si poteva stravincere mentre , molto probabilmente,  si vincerà  decentemente alla Camera,  al fotofinish al Senato, spero (sic!).

Per il  24 e 25 febbraio  da questo blog sto  invitando a votare movimenti e partiti che dal 2008 non hanno fatto parte di quel Parlamento;   SEL è uno di questi partiti.

In prospettiva 2014 è  anche interessante verificare quanti voti contano gli ex DS nauseati e  quanti voti propri e trasversali sarà  capace di raccogliere Vincenzo Calabrese.

Questa  curiosità nasce in prospettiva elezioni amministrative paganesi del 2014.

Calabrese è persona di esperienza umana, politica ed amministrativa. Gli accaniti lettori di questo blog sanno che in passato  con Vincenzo ho avuto delle divergenze in ordine ad alcune scelte da operare in campo amministrativo, ma siccome nel 2014 si dovrà scegliere il sindaco che dovrà farci uscire dal pantano morale, amministrativo ed  economico, ritengo, possa essere la persona giusta al posto giusto.  Visto l’ ambiente in cui si dovrà operare altri candidati avranno problemi legati all’ inesperienza, mentre i vari  Donato, Petti saranno  bloccati dai veti incrociati essendo troppo invischiati con la politica amministrativa degli ultimi 30 anni.

Insomma Calabrese può unire il centro sinistra,  prendendo voti a migliaia sia dai moderati  che dalla destra ( sempreché queste categorie abbiano un peso trattandosi di elezioni amministrative )

Quindi il mio invito  è  votare al Senato  SEL con Vincenzo in lista!!! Per il 2013 un voto politicamente utile, amministrativamente costruttivo per il 2014.

algera


AGLI AMICI DI DESTRA PROPONGO: FARE PER FERMARE IL DECLINO, L’ ALTERNATIVA LIBERALE ALLE CHIACCHIERE E AI DANNI LEGA-PDL

5 febbraio 2013

ARIA NUOVA..Elezioni 24 25 febbraio, votate per i partiti e movimenti che schierano volti nuovi in Parlamento. Non votate il vecchio presente nei vari schieramenti!

4 febbraio 2013

ARIA NUOVA, FINISTRE APERTE

La campagna elettorale si presentava divertente, ora è parossistica,  fra venti giorni rischia di diventare drammatica. Sono tutti a rincorrere qualcuno per ottenere qualcosa, manca solo la serietà , il rigore nonchè gli esempi positivi, specie quegli degli uomini presenti negli schieramenti politici che dal 1993 ad oggi hanno governato questo bordello che, dai tempi di Dante, continua ad essere l’ Italia.  A meno di ulteriori colpi di scena non avremo il vincitore che farà saltare il banco. Lo schieramento Pd avrà la maggioranza prevista dal porcellum alla Camera, difficile possa ottenerla al Senato.  Si prospetta quindi una situazione abbastanza simile a quella del 2006 quando il governo Prodi si sosteneva al Senato coi voti dei senatori a vita mentre altri senatori   concordavano  il  prezzo del tradimento per passare col centro destra.  La soluzione provvisoria sarebbe  aprire al centro Montiano, mettere in naftalina SEL  col  buon Vendola,   governare un paio d’ anni, festeggiare l’ 80° compleanno del cavaliere,  sperando in qualche suo condanna definitiva o acciacchi dovuti all’ età.  Il tutto avverrebbe in un contesto economico difficilissimo, tensioni sociali destinate a salire, welfare distrutto, pubblica istruzione in disfacimento, centinaia di migliaia di imprese fallite . Governare in questo modo impedirebbe di fare riforme strutturali serie, non si porrebbe mano alle regole delle assemblee elettive, nessuna riforme apprezzabile della macchina statale.

Altri 2 anni persi da aggiungere ai 20 anni precedenti.

Se, come penso, questo sarà lo scenario, l’ unico aspetto positivo che rileveremo in queste elezioni saranno i movimenti e le facce nuove che entreranno in Parlamento. Sperando che almeno per loro le parole siano seguite dai fatti , annuncio che ” I have a dream” . Finalmente si potranno gettare le fondamenta per il successivo Parlamento quello che sarà eletto nel 2015, quello  che darà la fiducia ad un governo guidato da un 40enne senza legami con le banche, la massoneria, il Vaticano, la famiglia  Letta, senza lo psiconano, senza Verdini, senza la Finocchiaro, Bersani,  D’alema.  Questo non è un sogno solo mio, tanti so che lo condividono. Quindi amici di sinistra, centro o destra,  il consiglio che do  è di votare  per i movimenti che promettono aria nuova con facce nuove. Questi movimenti sono presenti in tutti gli schieramenti!!

Le idee camminano sulle gambe degli uomini, ebbene quelli che sono stati i protagonisti dell’ ultimo ventennio, sia dal governo come dall’ opposizione meritano una effettiva rottamazione, anzi una cremazione  nell’ inceneritore della monnezza,  quello di Acerra andrebbe bene.

algera

ps. sabato sera ad una cena di lavoro  discutevo con un imprenditore. Inevitabilmente il discorso è scivolato sulle prossime elezioni,  e  colta la palla al balzo,  l’ imprenditore ha iniziato a decantare i meriti di Berlusconi chiedendomi alla fine che cosa ne pensassi. Essendo l’ imprenditore  in questione decisamente obeso, notando il suo appetito, gli ho fatto un paragone: gli italiani sono un pò come Lei, ho detto .  Lei sa di essere grasso ,  sa  di aver  avuto già gravi  problemi di salute ma continua a mangiare come se nulla fosse,.  ben sapendo che continuare a mangiare così non potrà che causarle nuove  malattie  se non peggio.  Ho poi specificato : in questo  gli italiani le assomigliano,  nel senso che gli italiani amano farsi abbindolare da Berlusconi, molti l’ hanno votato, continueranno a votarlo  nonostante sappiano che così facendo l’ Italia andrà sempre peggio. In Conclusione Berlusconi è come il colesterolo per gli obesi, sanno che ne moriranno ma continuano ad abbuffarsi!


sondaggi elettorali, ultime novità

1 febbraio 2013

Sondaggi politici 2013, Demopolis: Grillo vola, flessione per il centrosinistra, astenuti al 26% .

Il sondaggio elettorale condotto da Demopolis per Otto e mezzo segnala una forte ascesa del Movimento 5 Stelle, che sarebbe oggi davanti al centro di Mario Monti. Il centrosinistra vede ridursi il suo distacco nei confronti del centrodestra a soli sette punti percentuali, con il Pd che accusa una flessione significativa rispetto a dicembre. Allo stato attuale, un quarto degli italiani non si recherebbe alle urne. Il 20% è ancora indeciso su chi votare

sondaggi SWG Affari italiani

SONDAGGI POLITICI – L’ultimo sondaggio elettorale condotto da Demopolis per Otto e Mezzo segnala una flessione del centrosinistra, che si attesta al 34,5% delle intenzioni di voto e vede calare il suo vantaggio nei confronti del centrodestra, che raggiunge il 27,5%, a soli sette punti percentuali. Dietro alle due principali coalizioni di piazza il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, che si colloca al 16% e supera di slancio il centro di Mario Monti, fermo al 14,8%. Rivoluzione civile di Ingroia sarebbe invece al 4,7%. Per quanto riguarda il voto ai singoli partiti, il Partito democratico è al 29%, il Popolo delle libertà al 18%, il Movimento 4 Stelle al 16% e Scelta civica di Monti al 9,5%. Tra i partiti minori, la Lega Nord è al 5,5%, Rivoluzione civile al 4,7%, l’Unione di centro al 4,2% e Sinistra ecologia e libertà al 4,1%. Demopolis segnala anche che i consensi verso il Pd hanno seguito un trend ascendente da settembre (25%) a dicembre (33%), per poi tornare a calare tra dicembre e gennaio (29%). Situazione opposta a quella del Pdl, protagonista di un calo tra settembre (15,5%) e novembre (13,5%) e di una crescita tra novembre e gennaio (18%). Demopolis, inoltre, mette in evidenza il fatto che un terzo degli elettori non collocati voterebbe per il Movimento 5 Stelle, mentre il 320% per il centro di Mario Monti. Il tasso di astensionismo sarebbe oggi al 26%, cioè pari a più di un quarto degli elettori. Infine, solo il 57% ha già deciso per chi votare. Il 23%, infatti, ha deciso solo “tendenzialmente”, ma potrebbe cambiare idea. Il 20%, invece, non ha ancora un’idea chiara.


da Pagani notizie il resoconto dell’ incontro fra coordinamento Pagani Pulita e la Commissione prefettizia

1 febbraio 2013

Si è tenuto questa mattina ( ieri 31 01 2013 n.d.r.)  a Palazzo San Carlo, sede del Comune di Pagani, l’attesissimo e invocato incontro tra la triade commissariale che regge la cosa pubblica in città e il “Coordinamento Pagani pulita”, sorto in seguito all’ultima emergenza rifiuti. Un Coordinamento che si è posto dal primo momento l’obiettivo di trovare soluzione a medio e lungo termine per porre fine alle continue emergenze rifiuti nella città di Sant’Alfonso. Un incontro, quello di questa mattina, fatto di sinergia e risposte.

Uno dei primi punti, nota dolente per la città di Pagani, riguarda il contratto con il Consorzio di Bacino Salerno 1, retto da Fabio Siani. Secondo il commissario Mazza, la legislazione speciale in Campania non consente di risolvere il contratto con il Consorzio e secondo la legge regionale, ai comuni è imposto il pagamento del 100% del servizio a fronte di una diffusa bassa qualità del servizio. Inoltre, il contratto prevede che il comune paganese resti sino a giugno all’interno del Consorzio di Bacino. I commissari, Mazza, Cassio e Scigliuzzo, sono a lavoro per indire un bando di gara attraverso una stazione unica appaltante per l’affidamento del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti dal primo luglio. In merito ad una possibile azione legale contro il Consorzio per le inadempienze, la triade commissariale ha spiegato che non è possibile intraprendere tale strada, ma intende detrarre le somme per i servizi non effettuati. Inoltre, l’ente paganese è al lavoro per individuare un’area da destinare ai rifiuti ingombranti, in quanto l’area di Via Filettine è ormai satura.

Nel corso dell’incontro, la terna commissariale ha tenuto a ribadire che la Commissione non può fare atti di gestione. Ma è stato imposto un controllo a chi di competenza per contestare le inadempienze. Resta però un dato allarmante: il 54% dei paganesi non ha ancora provveduto al pagamento della Tia. Da parte dei commissari c’è un duro lavoro per recuperare le somme attraverso gli strumenti previsti dalla legge. Il Comune ha inoltre, provveduto ad una strategia:intensificazione dei controlli da parte delle forze dell’ordine in merito alla raccolta differenziata, per individuare i trasgressori.

Il commissario Mazza, ha ribadito che l’impegno del Comune è verificare che la raccolta differenziata avvenga bene anche da parte degli operatori del Consorzio. Nel frattempo la triade commissariale è al lavoro per predisporre gli atti relativi ad una derattizzazione e disinfestazione, con data da destinarsi. Altro capitolo affrontato durante l’incontro, pulizia e gestione dell’arena vasca Pignataro. Da ieri, attraverso una delibera, il Comune di Pagani per cinque anni ha affidato all’associazione di volontariato Papa Charlie l’utilizzo, la gestione e la pulizia dell’arena in cui il venerdì si svolge la fiera settimanale. I commissari Mazza, Cassio e Scigliuzzo hanno apprezzato lo spirito costruttivo del Coordinamento, fissando un nuovo incontro per il 28 Febbraio prossimo.

Maria Rosaria Mandiello